Il “dono” dal cielo salva la vita a Valeria

Avatar photo

Massimo Pieraccini vive a Firenze e lo chiama “il dono”, senza enfasi, normalmente, quasi timidamente, quest’uomo attorniato dal suo gruppo di volontari, in giro per il mondo affrontano i problemi della burocrazia, delle attese, i minuti contati nella solitudine degli aeroporti, firme, nulla osta degli ospedali di origine e di destinazione, taxi, treni, documenti da firmare e la preziosa “scatola” , uno speciale contenitore isotermico che contiene il vero dono della vita consegnato con un sorriso, un lampo negli occhi tra sconosciuti….e anche questa è fatta!

Ma oggi Massimo ci racconta una storia, bella perché ha un lieto fine, che vede coinvolto il “dono”, persone, sconosciuti che diventano come fratelli, momenti tristissimi come lame d’acciaio che ti trafiggono il cuore quando ascolti la sentenza che non ti dà speranza e poi la gioia, incontenibile, nel ricevere il dono.

Ci racconta Massimo Pieraccini…..Sono già uscite le locandine che annunciano la prima nazionale di un docufilm, al Cinema Teatro Ariston, “𝐕𝐚𝐥𝐞𝐫𝐢𝐚 𝐮𝐧 𝐝𝐨𝐧𝐨 𝐝𝐚𝐥 𝐜𝐢𝐞𝐥𝐨“, che vede come protagonista principale Valeria Favorito, una ragazza nata ad Erice che all’età di 11anni si è ammalata di leucemia mieloide acuta, salvata grazie alla donazione del midollo osseo di Fabrizio Frizzi. Non a caso, le riprese sono state fatte proprio tra Trapani – città originaria della famiglia Favorito – e Verona. Tutto parte da un incontro tra il padre di Valeria, Luciano Favorito ed Enrico Pollari, noto fotografo trapanese che è stato anche regista e produttori di altre pellicole molto apprezzate dalla critica.

 

 

Tra loro nasce una grande amicizia e poi il desiderio di raccontare la vita di Valeria ma soprattutto il suo coraggio e la sua forza.

Tutto nasce dalla casualità, Valeria, nel luglio del 2022, ha incontrato Mario Bella che è stato il fondatore nel 1990 dell’ADMO a Villar Perosa, che, di fatto convinse Frizzi a diventare donatore.

Il trapianto avvenne di domenica, sempre in maniera anonima come da regolamento, e la modalità dell’intervento eseguito di domenica stupì tutti che pensarono che il donatore fosse una persona famosa, perché non sono interventi da eseguire di domenica. Ma si capì che il donatore era stato Frizzi alla televisione, giorni dopo, perché Romina Power che insieme a lui conduceva la trasmissione televisiva “Per tutta la vita”, indicando Frizzi, disse ”quest’ uomo ha donato il midollo osseo, fatelo anche voi”.

 

Valeria Favorito e Fabrizio Frizzi

 

La legge non permette incontri e sono seguite delle lettere in anonimato ma, durante una Partita del Cuore, è stato possibile un incontro, pieno di emozione e riconoscenza fra Frizzi e Valeria.

See Also

Oggi Valeria, dopo una ulteriore operazione, si dedica alla ricerca di nuovi donatori e alla ricerca fondi, collaborando attivamente con l’ADMO, associazione cresciuta negli anni fino a diventare una federazione nazionale di associazioni regionali.

«Negli ultimi mesi è stato effettuato il dono più grande: il midollo di un donatore italiano per salvare una donna russa affetta da leucemia. Con una guerra ancora in corso ed enormi difficoltà logistiche nell’organizzare la missione abbiamo dimostrato che la solidarietà umana può vincere sempre – commenta Nicoletta Sacchi, direttore Ibmdr, l’organismo istituzionale italiano che gestisce la ricerca dei donatori su scala mondiale -. Un ragazzo italiano ha donato le sue cellule staminali emopoietiche a favore di un paziente russo in attesa di trapianto di midollo osseo. Malgrado scioperi e guerre il trasporto del “dono” è stato effettuato da Massimo Pieraccini, presidente e fondatore del Nucleo operativo di Protezione civile logistica dei trapianti (insignito dal Presidente Mattarella del titolo di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana), dimostrando ancora una volta che la solidarietà non conosce né limiti, né confini».

Massimo conclude il suo racconto: 

L’insegnamento del dono anonimo che ci viene dall’ADMO è  vivo e, come tutti i grandi fenomeni culturali, riesce ad adattarsi alle esigenze di questi anni in cui la solidarietà troppe volte si arresta davanti alla diffidenza di  chi ci  bussa alla porta, perché l’amore per la bellezza del “dono” è  legato al desiderio di condividerlo,  in silenzio, e diventa un sinonimo di generosità.

Grazie Massimo e a tutti Voi che, come te,  ci insegnano la bellezza del “dono”

View Comments (0)

Leave a Reply


(c) 2019-2023 Wonderyou International Magazine - All Right Reserved.
Concept: Le Salon de la Mode  - Design by ludicafm

Scroll To Top
error: (c) 2019 Wonderyou Magazine - Tutti i Diritti Riservati